Dragonero Bonelli Wiki
Advertisement
Alfiere

Un alfiere

Gli Alfieri sono una casta di Abominii, la cui importanza è situata solo al di sotto di quella dei Principi degli Inferi, di cui sono vassalli.

Storia[]

Alfiere2

Il signore della tredicesima torre

I primi Alfieri fanno la loro comparsa con la saga Mondo Oscuro. Non si sa nulla di loro: essi semplicemente capeggiano grandi orde di abominii, svolgendo probabilmente il compito di "comandanti sul campo" per conto degli Esarchi. Un primo Alfiere viene sconfitto grazie al sacrificio di un mago militare. Ne vengono poi incontrati altri, delle forme più disparate. Tutti sono però accomunati da grandissimi poteri telepatici e telecinetici, da abilità pirocinetiche e capacità di trasmutare il ferro in spade, il legno in lame e così via. In seguito, eroi e personaggi secondari si scontrano numerose volte con questo particolare tipo di abominii: Daron uccide, dopo uno scontro difficile, un Alfiere, decapitandolo.

Anche Ian e Sera ci riescono, uccidendo un Alfiere che ammorbava Vetwasilvhe, grazie all'aiuto di una Regina Nera che ne conteneva i poteri telepatici.

Contemporaneamente, un altro Alfiere, il Signore della tredicesima torre (non si ha ancora modo di sapere cosa siano queste torri) inizia a tramare qualcosa, anche se anche in questo caso non si ha modo di sapere cosa: si sa solo che ha risparmiato coscientemente Ian Aranill, per motivi ancora tutti da appurare.

Caratteristiche[]

Gli Alfieri sono in genere alti, dotati di una pelle coriacea e di, solitamente, un paio di corna ed eventualmente delle ali. Un solo Alfiere si distaccava da questa fisionomia, ed era quello di Vetwasilvhe: costui era più magro degli altri, non aveva né corna né ali, e sembrava celare un volto umano. La Regina Nera sembrava aver dato una sibillina risposta al perché di ciò, spiegando che si stava adattando al nostro mondo.

I loro poteri sono molteplici: telepatia (con cui possono uccidere mentalmente), telecinesi, pirocinesi, creazione di portali, evocazione, trasmutazione ed altre implicazioni della loro natura mistica.

Advertisement